a cura di Armellino G.

Nella maggior parte dei trattamenti di Reflessologia noi  riteniamo importante  il trattare le zone reflesse dell’ Intestino Tenue  e Crasso al fine di favorire il buon funzionamento di eliminazione delle tossine.

Dobbiamo considerare che la maggior parte delle malattie ha la propria origine nell’ Intestino; è un apparato VIVO, luogo in cui i miliardi di organismi  presenti   vivono in simbiosi con l’organismo umano, formano un ECOSISTEMA,   svolgendo un’azione benefica se trovano le condizioni adatte  od al contrario possono essere causa e fonte di disturbo a seconda della situazione.

La condizione di equilibrio è definita  EUBIOSI  mentre in situazione contraria  parleremo di DISBIOSI.

La flora batterica  presente è formata da batteri  definiti  “ buoni”  ( EUBIOTICI )  e  “ cattivi “

(  PATOGENI  ), indispensabile per la nostra salute; solo una prevalenza di batteri buoni garantisce una buona funzionalità intestinale e di conseguenza dell’organismo in generale.

Rappresentati da varie tipologie e diversi  ceppi,  variano a seconda del tratto dell’intestino in cui si trovano, in base alla funzionalità, alla temperatura ed al grado di acidità ( PH ) dell’ambiente.

Gruppi principali :

Benefici —-( EUBIOTICI ) : deputati al benessere dell’organismo ed all’ ecosistema                                                  intestinale    GRAM +  :   Lactobacilli, Bifidobatteri, Streptococchi

Dannosi   ( PATOGENI ) :  Proteus, Clostridium, Veillonella, Prevotella, Staphylococcus

Potenzialmente dannosi, se prevalgono e si diffondono : GRAM – ( Escherichia,  Enterobacteria,    Enterococcus,  Bacteroides )  generano sostanze tossiche, tramite la putrefazione delle proteine intossicando il fegato da cui vengono assimilate e metabolizzate e di conseguenza il sangue.

La flora batterica svolge molte funzioni importantissime per il corpo :

Mantiene l’equilibrio  della barriera microbiologica, stimola le difese immunitarie, incentiva la produzione della mucosa intestinale, promuove la produzione di vitamine ( gruppo B  e K ), inibisce e distrugge i germi responsabili della putrefazione e le tossine cancerogene ( nitrosammine ), produce  sostanza antibiotico-simili.

Questo delicato  equilibrio è continuamente  minacciato da molti  fattori  tra i quali  alimentazione troppo ricca di zuccheri e  proteine, una cattiva masticazione ( il  cibo mal masticato e digerito crea fermentazione e  putrefazione  ( le sostanze conosciute cadaverina e putrescina generano dolori e disturbi anche in zone lontane del corpo),  cibo contaminato e trattato industrialmente,  un uso eccessivo di farmaci  ( Antibiotici, Antinfiammatori ( FANS ) promuovono il   diffondersi  dei  lieviti  quali  la  CANDIDA ALBICANS),   Stress prolungato, ansia e  depressione  sono in grado di modificare la secrezione dello stomaco alterando i valori di Ph e di conseguenza si modifica la digestione favorendo il prevalere della flora patogena su quella eubiotica innescando disturbi  definiti DISBIOSI  quali  flatulenza, diarrea costante, stanchezza, depressione, colon dolente, gastriti, eruzioni  cutanee,  infiammazioni generali,  gengivite  cronica.

Consideriamo inoltre  che  nel  tessuto  intestinale  sono presenti in percentuale dell’ 80% circa il sistema immunitario intestinale GALT ( tessuto linfatico associato all’intestino ), le Placche di Peyer ( noduli linfatici ) che consentono l’assorbimento di sostanze nutritive senza innescare reazioni  immunitarie contrarie e pericolose  e l’eliminazione di tossine derivanti dall’alimentazione.

Un deficit funzionale può essere origine e causa delle intolleranze alimentari che a loro modo complicano la problematica già presente favorendo l’instaurarsi di stati infiammatori sempre più consistenti fino allo sfociare in vere e proprie patologie.

Una buona flora, sana e compatta quindi può aiutare a promuovere il nostro benessere, ha un’importanza fondamentale nel funzionamento del sistema immunitario e nella salute  della persona.

Per  contrastare questa situazione, oltre al promuovere un’alimentazione sana, povera di grassi animali, proteine, zuccheri e creme, cibi raffinati e industriali,  si devono  integrare i pasti  giornalieri con l’assunzione di microrganismi benefici, i Probiotici ( fermenti lattici ) , che contengano anche sostanze in grado di stimolarne e favorirne la crescita,le sostanze conosciute come Prebiotiche.

Il Probiotico  è un supplemento dietetico costituito da microrganismi vivi ( fermenti lattici ) in grado di ripopolare e potenziare in modo positivo l’ ecosistema intestinale, nel quale arrivano ancora vitali, dopo aver superato le barriere costituite dai succhi gastrici grazie a microcapsule gastroresistenti che permettano loro di superare la barriera gastrica, mantenendo intatta la loro capacità di colonizzare l’intestino.

Probiotici  utilizzati sono specialmente quelli appartenenti al gruppo dei lactobacilli e dei bifidobatteri, come Lactobacillus acidophilus, L. sporogenes, L. rhamnosus, L. thermophilus, L. bifidus, L. plantarum, L. casei, Bifidobacterium infantis, B. longum, i quali  hanno diverse funzioni ( modificazione del pH intestinale, la sintesi di vitamine del gruppo B e acido folico, l’azione immunostimolante, l’inibizione della crescita di batteri patogeni ).

Le sostanze conosciute come Prebiotici  sono il nutrimento, la base dei batteri che vivono all’interno dell’Intestino;  le sostanze che hanno azione prebiotica sono  le fibre alimentari ( carciofi, asparagi, carota, cipolla, aglio, banane ), VITAMINE ( B –C –E  ) ed OLIGOELEMENTI e  FRUTTOLIGOSACCARIDI a catena corta ( F.O.S. )  ( composte da 3 molecole di fruttosio e 1 di saccarosio – ottime in quanto non creano fermentazione, si oppongono allo sviluppo di batteri negativi, regolano il metabolismo di grassi e glicemia,  favorendo  l’assorbimento di Magnesio e Calcio.

Il  Reflessologo, in quest’ottica oltre a svolgere il  proprio lavoro,  stimolando le zone reflesse dell’intestino  e dell’apparato digerente in generale ( dalle ghiandole salivari all’ano ),  le zone linfatiche, il plesso lombare, deve consigliare  e coinvolgere il cliente a porre maggiore attenzione all’apparato intestinale,  alla  Sua salute ed al  Suo equilibrio, orientandolo  ( nella vasta scelta di prodotti offerti oggi sul mercato erboristico molte e serie le Ditte presenti ) nella scelta di fermenti lattici probiotici di buona qualità, che rispondano alle caratteristiche sopracitate,  che contengano soprattutto un alto numero di cellule vitali Probiotiche (  almeno 10 – 20 miliardi per capsula )  con il fattore Prebiotico che ne garantisca un’alta replicazione, una volta  arrivate a destinazione.

Pin It on Pinterest