Spesso nel confrontarsi con colleghi emerge una domanda …….  Qual’ è il tipo di trattamento migliore da applicare, il Sintomatico oppure quello Olistico? Quale dei due è il piu’ indicato? Quali le differenze che intercorrono tra i due ? 

Vediamo di definire al meglio la specificità dell’ argomento in oggetto.

Tutte le tipologie di trattamenti naturali sono spesso identificate con il termine Trattamento Olistico, Pensiero Olistico, Ambito Olistico, Visione Olistica….. etc…….  Questo oggi ha portato quasi a saturare, ad inflazionare ogni ambito di intervento nelle DBN.

Questo termine si identifica come un modo di approcciarci ad un modo di lavorare  rivolto a vedere il disturbo del nostro cliente in  modo globale, a 360 gradi.  Con questo punto di vista si considera la la persona, ed i suoi disturbi, come sintesi vivente e risultato di eventi, traumi emotivi e fisici, tutto quanto una persona ha avuto nodo di vivere e sperimentare, elementi ovviamente di disturbo, che, nel tempo, hanno condotto il corpo, transitando  da un aspetto emozionale, piu’ sottile,  verso uno piu’ fisico,  sfociando poi al termine in una serie di disturbi che si manifesteranno sul lato corporeo ( ovviamente generando  problematiche di salute piu’ o meno serie )

In quest’ ottica tutti gli aspetti della persona – frammenti  singoli della nostra storia individuale – concorrono a determinare un quantum energetico ( in carenza od eccesso ) per cui l’ aspetto finale sarà la malattia stessa.  In questo rapporto la persona è la diretta responsabile del proprio stato di salute ed un  percorso intrapreso in questo senso non ha la prerogativa di guarire l’ individuo.

Il Terapeuta ( Reflessologo, Naturopata ) non è, nel percorso iniziato, l’ elemento che consentirà e porterà  alla guarigione del cliente; qui è la persona stessa che deve affrontare con consapevolezza ed aiutato dal terapeuta od operatore olistico, a mettere in campo la volontà interiore di cambiare.

Il Reflessologo ( o analogo ) diventa pertanto un CATALIZZATORE D’ EVENTI, un facilitatore il cui scopo è quello di sostenere il cliente nel suo cammino, aiutando, stimolando le forze di guarigione interiori della persona utilizzando le conoscenze reflessologiche proprie del suo lavoro.

Ovviamente un percorso del genere – espresso in termini di tempo – necessità di essere piu’ lungo,  richiede di essere consci che i tempi di azione e reazione sono estremamente soggettivi e che piu’ un problema è datato nel tempo, maggiore sarà il tempo necessario affinchè il “ Sistema Essere Umano “ si modifichi, recepisca gli stimoli e reagisca di conseguenza. La nostra Società (moderna ? ) non ama i tempi lunghi ed i percorsi di crescita personale, AMA la velocità, le rapide soluzioni a disturbi dell’ immediato, devi sempre essere efficiente, produttivo e sicuro ( ma poniti la domanda : se soffri di diarrea da anni perché hai una vita lavorativa, famigliare, sentimentale non armonica, non puoi pretendere di risolvere il problema in due giorni olisticamente parlando; Se hai una schiena bloccata da anni di inattività, mancanza di esercizio fisico, frustrazioni emotive, sessuali e lavorative NON PUOI PRETENDERE  di risolvere tutto in una o due sedute …… questo me lo hanno  anche chiesto……. ).

Quindi, Il sistema Olistico richiede una profonda analisi e tempi di adattamento e reazione ad un problema datato nel tempo, ecco perché un trattamento Olistico non riscontra subito  molto successo nel cliente che si rivolge a noi. Egli deve capire ed accettare tale situazione, che tale approccio necessità di pazienza per poter poi rilevare gli effetti desiderati. Un lavoro svolto in tale ottica – per contro sara’ in grado di arrivare ad soluzioni e risultati duraturi nel tempo , motivo di grande soddisfazione,  manifestato sia dal cliente, sia dal Reflessologo.

Ma i tempi moderni come anticipato prima hanno altre esigenze.

La velocità di reazione, il volere ottenere risultati veloci, sicuri, senza perdere tanto tempo sono una prerogativa dell’ uomo moderno.  Questo avviene  in tutti i settori della nostra vita odierna. Per rispondere a questa esigenza la Reflessologia interviene con una metodica piu’ veloce in tali termini. Si applica l’ Approccio Sintomatico,  un modo di considerare il problema che risulta sintesi di conoscenze sia mediche sia naturali.

Si utilizzano le conoscenze della funzionalità del corpo umano, i sintomi generali di un tal problema e li si affianca ad un trattamento reflessologico specifico utilizzando punti e zone di repere reflesso corrispondenti alle zone interessate dal nostro problema.  Si sceglie il trattamento piu’ consono al momento senza considerare la situazione pregressa della persona, come vive e che cosa ha sperimentato in passato.

Il percorso Sintomatico è molto piu’ veloce – esprimendoci in termini di tempo, sedute e costi  ovviamente. La Reflessologia si pone come un metodo veloce quindi per consentire al cliente di vedere in tempi  relativamente brevi risultati rassicuranti.  Questo risulta  molto valido in situazioni in cui si sia in presenza di dolori, sciatiche, problematiche acute-  Ricordiamo pero’ che risultati veloci, per quanto apprezzati, tendono nel tempo a rimanifestarsi, riacutizzando il  problema di base proprio perché viene a mancare, non eliminata  nella Memoria Corporea, quella Modifica Energetica che ha condotto il corpo nel tempo a presentare il problema stesso.

La scomparsa di sintomi in un certo periodo di tempo  – ottimo risultato desiderato – per contro porrà il riacutizzarsi e ripresentarsi dello stesso secondariamente  ( es. un antiinfiammatorio locale puo’ ridurre il dolore per un certo tempo, ma questo non elimina magari la distorsione o strappo muscolare che l’ ha creata – ci vuole tempo affinchè il corpo ripristini le condizioni di partenza ).

Questo non toglie la estrema validità del tipo di trattamento svolto ed è auspicabile quindi  che il  #Reflessologo Professionista porti a conoscenza del Cliente le dinamiche di lavoro che verrà svolto successivamente, al fine di poter impostare le sessioni reflessologiche nel modo piu’ corretto possibile.

Pin It on Pinterest

<b>Questo sito web utilizza i cookie</b>. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire </br>funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul</br> modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, </br>pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che</br> hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.</br>Acconsenti ai nostri cookie se continui ad utilizzare il nostro sito web. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi